Useremo le misure necessarie per eliminare le criptovalute (e ora?)

La dichiarazione del ministro delle finanze indiano nella presentazione del budget 2018 ha generato un nuovo calo del prezzo di Bitcoin.

Il Bitcoin , che ha toccato il suo massimo valore il 17 dicembre scorso quando era quotato a $ 19.788, è andato giù di nuovo giovedì, dopo le pessime notizie sulle criptovalute provenienti dall’est.

Proprio così, il secondo paese più popoloso sulla Terra, l’India, è determinato a vietare l’uso delle criptovalute. Ciò è stato confermato dal ministro delle finanze di quel paese, Arun Jaitley, che nella presentazione del bilancio 2018 prima del parlamento, ha dichiarato: “Useremo tutte le misure necessarie per porre fine alle criptovalute come metodo di pagamento”.

“L’India non considera le criptovalute come moneta legale o moneta attuale, e prenderà tutte le misure per eliminare l’uso di queste risorse nel finanziamento di attività illegittime“, ha sottolineato durante la presentazione.

La novità ha presto colpito il prezzo delle valute digitali, in particolare il Bitcoin. A poche ore dal discorso, la criptovaluta più popolare è scesa del 13% , da un massimo giornaliero di US $ 10,285, a US $ 8,849 a cui è stata quotata giovedì sera.

Prezzi delle criptovalute in tempo reale

Vi erano già indicazioni di una decisione come questa, ma non ci si aspettava che fosse così decisivo. “A dicembre, gli ispettori del Dipartimento delle imposte indiano hanno fatto irruzione nei centri di scambio di criptovalute a Delhi, Bangalore, Hyderabad, Kochi e Gurgaon alla ricerca di prove per identificare investitori, commercianti e le transazioni effetuate” .

Contemporaneamente, la Reserve Bank of India aveva mostrato segnali di sfiducia nei confronti di queste valute virtuali.

Come proseguirà “il film”?

È difficile saperlo. Sebbene l’India abbia fatto un passo negativo per le criptovalute e, prima, la Corea del Sud avesse adottato misure per controllare la vendita ed evitare il riciclaggio di denaro sporco, altri paesi già le riconoscono. Uno è il Giappone, che li accetta come mezzo di pagamento.

Inoltre, è stata autorizzata anche negli Stati Uniti, essendo stato accettato per la prima volta in due mercati in quel paese.

Non è stata una buona settimana per Bitcoin. Martedì, Facebook ha annunciato di aver apportato modifiche alle politiche pubblicitarie delle piattaforme e confermato che le pubblicità non saranno in grado di promuovere prodotti e servizi associati a pratiche ingannevoli e promozioni come opzioni binarie, offerte iniziali di nuove monete (ICO) o criptovalute.

Allo stesso tempo, secondo un rapporto Fast Company, Google ha anche iniziato a implementare misure per eliminare la pubblicità ingannevole relativa al Bitcoin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *