Come aprire un conto nell’Antille olandesi

Le Antille olandesi erano un paese autonomo composto da diverse isole del Mar dei Caraibi, appartenenti al Regno dei Paesi Bassi. Una di queste isole è Aruba , che divenne indipendente nel 1986 e si è costituita come stato autonomo all’interno del Regno. Curacao e Sint Maarten hanno adottato decisioni analoghe, un fatto che ha portato alla scioglimento politico delle Antille olandesi il 10 ottobre 2010.

Nuovo status delle Antille olandesi

Dal 20 ottobre 2010, è stato introdotto un nuovo statuto per le sei isole caraibiche che compongono il paese. Le isole di Curaçao e Sint Maarten sono diventate nazioni autonome nel Regno dei Paesi Bassi. Le altre isole, Bonaire, Sint Eustatius e Saba sono diventate municipalità speciali dei Paesi Bassi, quindi appartenenti all’Unione europea. Secondo la Costituzione del Regno dei Paesi Bassi, dal 10 ottobre 2010 il territorio è formato da quattro paesi: i Paesi Bassi, comprese le isole BES (Paesi Bassi insulari: Bonaire, Saint Eustatius e Saba), Aruba, Curaçao e Sint Maarten.

Tassazione nelle Antille olandesi

Con lo scioglimento delle Antille olandesi nel 2010, le isole BES sono diventate territori dell’Unione Europea, che ha permesso loro di avere un proprio regime fiscale, che non include l’imposta sulle società, ma una tassa di 5 % sui dividendi. Poiché fanno parte dell’UE, sono diventati paradisi fiscali molto allettanti.

Tuttavia, si tratta di un paradiso fiscale progettato solo per un certo tipo di società multinazionali, quelle con la capacità di avere almeno tre dipendenti nelle isole e utilizzare metà delle attività nella giurisdizione. La maggior parte delle multinazionali che utilizzano le isole BES per ottimizzare le tasse hanno filiali nei Paesi Bassi dove dichiarano e pagano le tasse (0% -5%) e quindi indirizzano capitali attraverso questa autorità fiscale nei Caraibi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *