Come aprire un conto a San Marino

Come funziona la gestione del conto dato che stiamo parlando di uno stato che è si presente in modo fisico all’interno dello stato italiano, ma in realtà è uno stato a parte? Molti si fanno questa domanda dato anche la presenza di questa pressione fiscale presente in Italia. Sappiate che aprire un conto a San Marino è assolutamente possibile e non è vietato come molti pensano. Ovviamente anche San Marino ha delle regole per quanto concerne la gestione del conto corrente e ci sono tutta una serie di accertamenti da fare. Prima di tutto, la repubblica di San Marino è ovviamente consapevole del fatto che sia presente all’interno dello stato italiano e permette ai cittadini italiani di aprire un conto corrente presso la loro banca. Ci sono infatti numerosi italiani che hanno il conto corrente in una banca sammarinese.

Come aprire un conto a San Marino?

Per aprire il conto a San Marino è bene avere tutti i documenti in regola e soprattutto non bisogna fare un versamento in contanti superiore ai 10.000 euro. Ove mai dovesse capitare di effettuare un versamento di questo tipo ricordatevi di dichiarare l’autorità dell’importo da un’altra banca dove magari avete prelevato.

Per il resto le regole sono davvero molto simili a quelle che sono sia le banche italiane che svizzere. Anche in questo caso la banca sammarinese infatti vi rilascerà un codice IBAN per poterci accreditare o la pensione oppure lo stipendio, una carta di debito o di credito e vi darà la possibilità di operare online con l’internet banking. Questa è un’altra funzionalità davvero molto interessante.

La Repubblica di San Marino è comunque soggetta ai controlli bancari, questo significa che non è un paese come la Svizzera di anni fa. San Marino al giorno d’oggi è tenuta a dare informazioni personali sui propri dati bancari se richiesto da autorità superiori. Non è più un paradiso fiscale. Questo perché, soprattutto in passato, la Banca Centrale della Repubblica di San Marino ha dovuto contrastare importanti fenomeni di riciclaggio del denaro, accaduto anche in seguito al terrorismo.

Il sistema bancario sammarinese è anche abbastanza esteso, ha infatti ben 12 banche, circa 50 società finanziare e 30 broker assicurativi. Quindi nonostante lo stato è davvero piccolo dal punto di vista finanziario non se la passano molto male, ecco perché moltissimi italiani preferiscono portare tutti i loro risparmi li, proprio perché in teoria si sentono più sicuri.

Nella repubblica di San Marino inoltre non esistono banche online, ma ci sono solamente sedi fisiche. Per quanto concerne invece i costi sono davvero molto simili alle banche italiane. Tutte le banche di San Marino però, a differenza delle banche italiane hanno tutte l’imposta bollo, ovvero quella cifra di 34,20 euro che si paga in modo annuale se la cifra presente in banca è superiore ai 5000 euro. Nel caso di un libero professionista, e quindi di un conto corrente intestato ad una persona giuridica la cifra da sborsare sarà di ben 100 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *